Major Donor

Major Donor

Chi siamo

Un piccolo gruppo di amici e amiche, sensibili al sempre più frequente problema dell’ospedalizzazione di bambini in tenera età, ha pensato di unirsi e realizzare il “Progetto per gli ospedali e l’infanzia – Progetto Pinocchio” e già da diversi anni opera in questo settore in modo totalmente gratuito.

Oggi le istituzioni ospedaliere prendono sempre più coscienza che la struttura dove si praticano le cure è ben più che un semplice insieme di camere e sale operatorie, evidenziando la necessità di rendere gradevole il luogo di degenza e terapia, dando ai pazienti e ai frequentatori la sensazione di benessere, calma, serenità e in questo caso il colore gioca un ruolo importante. Ancor più quando si tratta di ospedali pediatrici.

Il “Progetto Pinocchio” ha individuato in questo panorama l’esigenza di prevedere degli allestimenti grafici allegri e giocosi per le sale dove si svolgono esami diagnostici, della degenza e dell’attesa.

PROGETTO 2020/21: UNA DOTTORESSA MOLTO SPECIALE AL REGINA MARGHERITA

L’esigenza di un nuovo macchinario a servizio dei più piccoli è stata evidenziata dal dottor Gianpaolo Di Rosa, Direttore della Radiologia dell’Ospedale Regina Margherita, a Progetto per gli Ospedali & l’Infanzia, anche conosciuto come Progetto Pinocchio, che ha coinvolto nuovamente DiaSorin nel suo terzo progetto di umanizzazione degli ambienti ospedalieri pediatrici in Italia.

La Dottoressa Giraffa aiuterà a gestire il periodo di emergenza causato dal COVID che il reparto di radiologia sta vivendo, sostituendo l’attuale macchinario radiologico portatile ormai obsoleto.
“L’appello per l’acquisto di un macchinario radiodiagnostico a misura di bambino in questo difficile periodo causato dal COVID ci ha trovati subito pronti”, ha dichiarato Andrea Jacopo Fava, animatore del Progetto per gli Ospedali & l’Infanzia. “Ogni anno ci impegniamo a promuovere un progetto sul territorio italiano rivolto ai bambini, con l’obiettivo di migliorarne la qualità di vita all’interno dei contesti ospedalieri negli ambiti dell’istruzione, delle cure mediche e degli esami diagnostici. La maggior parte degli interventi di riqualificazione che facciamo grazie al sostegno dei nostri sponsor non vengono divulgati; non è un progetto celebrativo ed ognuno di noi dovrebbe dare il proprio contributo, in qualsivoglia misura sia, con un libro, un dialogo o una carezza. Per i bambini e gli adulti, i medici e gli operatori sanitari ed a volte ed in qualche modo anche per noi stessi”.

La nuova apparecchiatura consentirà una migliore definizione delle immagini radiologiche e garantirà una netta riduzione della dose di raggi erogata ai bambini; la vestizione amichevole del macchinario consentirà inoltre di ridurre le paure di questi ultimi nei confronti di macchinari talvolta “spaventosi” ai loro occhi. La Dottoressa Giraffa sostituirà macchinari obsoleti, e permetterà di migliorare anche l’approccio radiologico ai piccoli Pazienti ricoverati nei reparti COVID.

PROGETTO 2020 «ASTROSPAZIO RADIOLOGICO»

Nasce “ASTROSPAZIO RADIOLOGICO”: L’ impegno del Progetto per gli ospedali & l’Infanzia al fianco di DiaSorin a sostegno dei piccoli pazienti dell’ ospedale Regina Margherita di Torino

Come ogni anno il progetto per gli Ospedali & l’Infanzia, meglio conosciuto come Progetto Pinocchio, si impegna per il Regina Margherita.

Un regalo a tutti i bambini oggetto delle amorevoli attenzioni e cure dell’ ospedale pediatrico di Torino.

“Non c’è nulla di più potente di un sorriso ed una distrazione in un momento così difficile, come un esame clinico per un bimbo”. Così interviene Andrea Jacopo Fava Presidente dell’Associazione, che, insieme all’Architetto Anna Quaglino ed a diversi amici, ogni anno si impegna in questo importante progetto. “Quest’anno abbiamo voluto fare un esperimento, coinvolgendo alcuni bambini e chiedendo loro cosa immaginassero e come vorrebbero vederla trasformata!”

Il risultato è un “ASTROSPAZIO” Abbiamo quindi assecondato il desiderio e realizzato un progetto “visto con gli occhi di un bambino”.

Progetto per gli ospedali & l'infanzia re-immagina la sala Rm dell'Istituto Gaslini, grazie alla fantasia della Disney e al sostegno della DiaSorin.

Ri-immaginare gli ambienti diagnostici e di cura grazie ai personaggi DisneylPixar più amati dai piccoli pazienti: è l’idea alla base del progetto di restyling che ha trasformato la sala Risonanza Magnetica dell’Istituto Giannina Gaslini in un ambiente a misura di bambino.

L’iniziativa, promossa da Progetto per gli Ospedali & l’Infanzia”, anche noto come “Progetto Pinocchio”, ha visto scendere in campo a fianco del Gaslini, The Walt Disney Company Italia che ha accettato con entusiasmo di mettere i propri creativi DisneylPixar a disposizione per studiare appositamente un ambiente positivo e accattivante per la sala RM 1.5, dove vengono eseguiti gli esami di Risonanza Magnetica dell’Ospedale pediatrico genovese.

«Pinocchio col tablet dai bimbi in ospedale»

Tablet e tecnologia per aiutare i bambini piemontesi a studiare durante un lungo ricovero in ospedale. É questo il cuore del progetto, sostenuto anche da DiaSorin, multinazionale italiana della diagnostica in vitro. Un’iniziativa che porta il nome del personaggio partorito dalla fantasia dello scrittore Carlo Collodi: Pinocchio. «La distanza dalla famiglia e dagli amici, la difficoltà della terapia in un nuovo ambiente, fanno sentire spesso i giovani pazienti soli e confusi — spiegano dall’azienda — Queste sensazioni diventano un grande ostacolo al proseguimento degli studi e di una vita normale ». Proprio come Pinocchio, il bambino in ospedale si trova immerso in una nuova esperienza e in un mondo poco conosciuto. Così rischia di perdere motivazione e voglia di studiare. Adesso, attraverso i tablet, gli studenti ricoverati avranno la possibilità di restare più in contatto con la vita di sempre.

«Ospedale Regina Margherita, la sala tac diventa un bosco»

Predisposto un ambiente rassicurante per attenuare l’apprensione dei bambini ricoverati che vengono sottoposti all’esame diagnostico“
Una pellicola adesiva alle pareti circostanti ricrea il bosco e un grande fungo colorato al centro della sala, il protagonista principale insieme al piccolo paziente, sarà il macchinario tac. L’ambiente ospedaliero all’interno del Regina Margherita sta diventando sempre più a misura di bambino..

E proprio la sala del Regina Margherita che ospita il macchinario ha subito la trasformazione per dare la sensazione ai bambini sottoposti all’esame di essere in un vero e proprio bosco con la sua atmosfera rassicurante. Un bosco simile a quello della fiaba di Biancaneve per smorzare il carico di ansie, timori e paure che chiunque di noi avrebbe durante un esame diagnostico di questo tipo. Il fungo-tac sarà pronto in settimana.

« Al Regina Margherita una mongolfiera per superare la paura degli esami! »

Una mongolfiera per volare almeno con la mente lontano dall’ospedale e farsi passare la paura. Accade nella nuova Sala radiodiagnostica dell’ospedale infantile Regina Margherita, completamente ridecorata dal Rotaract Cub Torino e dal Progetto Pinocchio guidato da Andrea Jacopo Fava, che già si era dedicato al restauro del laboratorio tac. Grazie all’applicazione di pellicole speciali sulle pareti e sull’apparecchio diagnostico stesso studiate dall’architetto Anna Lumello Quaglino, la Sala azzurra è stata trasformata in un ambiente accogliente: una mongolfiera da cui poter osservare il cielo circostante.

« Al Cto nasce la nuova palestra di riabilitazione »

Al Cto di Torino nasce la nuova palestra di riabilitazione e fisioterapia di Chirurgia Oncologica Ortopedica: un intervento che può portare un significativo progresso nella umanizzazione delle cure e un miglioramento della qualità della vita dei pazienti più fragili, al tempo stesso un modello riabilitativo e una buona pratica per il futuro della Sanità piemontese.

Sono i due obiettivi sui quali si basa il progetto della nuova palestra di riabilitazione e fisioterapia realizzata e da poco in funzione all’interno di un reparto ad alta intensità chirurgica dell’ospedale Cto della Città della Salute di Torino.

« Nasce “Nuvoletta”, la nuova sala d’aspetto dell’Ospedale Regina Margherita »

L’obiettivo del restyling della sala d’attesa è rendere meno traumatico l’approccio e il trattamento dei piccoli pazienti dell’ospedale Infantile di Torino.
Il miglioramento della Sanità, in questo caso quella torinese, passa anche attraverso piccoli interventi: piccoli ma concreti, in grado di rendere più confortevoli i luoghi di cura. A maggior ragione, se si tratta di quelli deputati alla saluta dei più piccoli. In quest’ottica acquista un particolare significato la nascita di “Nuvoletta”, la nuova Sala di aspetto del servizio otorinolaringoiatria dell’ospedale Infantile Regina Margherita della Città della Salute di Torino.

DiaSorin si prende cura delle persone anche fuori dai suoi laboratori.
Coltivare la passione per la scienza significa coltivare la passione per la vita. Tale vocazione, che da sempre guida lo sviluppo del Gruppo, porta DiaSorin ad investire sempre di più nella formazione dei propri dipendenti, nel rafforzamento delle collaborazioni scientifiche e nella valorizzazione delle conoscenze, elementi fondamentali per potare innovazione nel business.

Il lavoro quotidiano di DiaSorin é una sfida costante, tesa al miglioramento del benessere della persona, in ogni suo aspetto e sfaccettatura. La vocazione per la scienza, l’attenzione rivolta alla formazione e alla crescita dei suoi talenti e l’impatto positivo sull’ambiente sono capisaldi attorno ai quali DiaSorin getta le basi per un business sostenibile e duraturo.

Progetto per gli ospedali e l'infanzia

TV
null

Dott. Gianpaolo Dirosa

RADIOLOGIA OIRM – SSD
null

Dott. Andrea Rossi

PRIMARIO RADIOLOGIA
ISTITUTO GIANNINA GASLINI
null

Marco Gioannini

PRESIDENTE FONDAZIONE
TUMORI MUSCOLOSCHELETRICI
null

Dott. Raimondo Piana

CHIRURGIA ONCOLOGICA
ORTOPEDICA – SSD
null

Dott. Pietro Poniglione

PRESIDENTE ISTITUTO
GIANNINA GASLINI – GENOVA

Progetto per gli ospedali e l'infanzia

TV
null

Dott. Gianpaolo Dirosa

RADIOLOGIA OIRM – SSD
null

Dott. Andrea Rossi

PRIMARIO RADIOLOGIA
ISTITUTO GIANNINA GASLINI
null

Marco Gioannini

PRESIDENTE FONDAZIONE
TUMORI MUSCOLOSCHELETRICI
null

Dott. Raimondo Piana

CHIRURGIA ONCOLOGICA
ORTOPEDICA – SSD
null

Dott. Pietro Poniglione

PRESIDENTE ISTITUTO
GIANNINA GASLINI – GENOVA

Vuoi sostenerci?

[]
1 Step 1
keyboard_arrow_leftPrevious
Nextkeyboard_arrow_right
FormCraft - WordPress form builder

Contatti

Progetto per gli Ospedali e l’Infanzia
Progetto  Pinocchio
Corso Re Umberto, 1
10128 – Torino

info@progettoinfanziaospedali.it
Cell. +39 338 1421 790

Cartella Stampa

Per richiedere la cartella stampa
scrivere al seguente indirizzo

stampa@progettoinfanziaospedali.it

Dove siamo

Chi sosteniamo:

null
null
null
null
null

Con il patrocinio di:

null
null
null
null

Chi siamo

Un piccolo gruppo di amici e amiche, sensibili al sempre più frequente problema dell’ospedalizzazione di bambini in tenera età, ha pensato di unirsi e realizzare il “Progetto per gli ospedali e l’infanzia – Progetto Pinocchio” e già da diversi anni opera in questo settore in modo totalmente gratuito.

Oggi le istituzioni ospedaliere prendono sempre più coscienza che la struttura dove si praticano le cure è ben più che un semplice insieme di camere e sale operatorie, evidenziando la necessità di rendere gradevole il luogo di degenza e terapia, dando ai pazienti e ai frequentatori la sensazione di benessere, calma, serenità e in questo caso il colore gioca un ruolo importante. Ancor più quando si tratta di ospedali pediatrici.

Il “Progetto Pinocchio” ha individuato in questo panorama l’esigenza di prevedere degli allestimenti grafici allegri e giocosi per le sale dove si svolgono esami diagnostici, della degenza e dell’attesa.

PROGETTO 2020/21: UNA DOTTORESSA MOLTO SPECIALE AL REGINA MARGHERITA

L’esigenza di un nuovo macchinario a servizio dei più piccoli è stata evidenziata dal dottor Gianpaolo Di Rosa, Direttore della Radiologia dell’Ospedale Regina Margherita, a Progetto per gli Ospedali & l’Infanzia, anche conosciuto come Progetto Pinocchio, che ha coinvolto nuovamente DiaSorin nel suo terzo progetto di umanizzazione degli ambienti ospedalieri pediatrici in Italia.

La Dottoressa Giraffa aiuterà a gestire il periodo di emergenza causato dal COVID che il reparto di radiologia sta vivendo, sostituendo l’attuale macchinario radiologico portatile ormai obsoleto.
“L’appello per l’acquisto di un macchinario radiodiagnostico a misura di bambino in questo difficile periodo causato dal COVID ci ha trovati subito pronti”, ha dichiarato Andrea Jacopo Fava, animatore del Progetto per gli Ospedali & l’Infanzia. “Ogni anno ci impegniamo a promuovere un progetto sul territorio italiano rivolto ai bambini, con l’obiettivo di migliorarne la qualità di vita all’interno dei contesti ospedalieri negli ambiti dell’istruzione, delle cure mediche e degli esami diagnostici. La maggior parte degli interventi di riqualificazione che facciamo grazie al sostegno dei nostri sponsor non vengono divulgati; non è un progetto celebrativo ed ognuno di noi dovrebbe dare il proprio contributo, in qualsivoglia misura sia, con un libro, un dialogo o una carezza. Per i bambini e gli adulti, i medici e gli operatori sanitari ed a volte ed in qualche modo anche per noi stessi”.

La nuova apparecchiatura consentirà una migliore definizione delle immagini radiologiche e garantirà una netta riduzione della dose di raggi erogata ai bambini; la vestizione amichevole del macchinario consentirà inoltre di ridurre le paure di questi ultimi nei confronti di macchinari talvolta “spaventosi” ai loro occhi. La Dottoressa Giraffa sostituirà macchinari obsoleti, e permetterà di migliorare anche l’approccio radiologico ai piccoli Pazienti ricoverati nei reparti COVID.

PROGETTO 2019/20 «ASTROSPAZIO RADIOLOGICO»

Nasce “ASTROSPAZIO RADIOLOGICO”: L’ impegno del Progetto per gli ospedali & l’Infanzia al fianco di DiaSorin a sostegno dei piccoli pazienti dell’ ospedale Regina Margherita di Torino.

Come ogni anno il progetto per gli Ospedali & l’Infanzia, meglio conosciuto come Progetto Pinocchio, si impegna per il Regina Margherita.

Un regalo a tutti i bambini oggetto delle amorevoli attenzioni e cure dell’ ospedale pediatrico di Torino.

“Non c’è nulla di più potente di un sorriso ed una distrazione in un momento così difficile, come un esame clinico per un bimbo”. Così interviene Andrea Jacopo Fava Presidente dell’Associazione, che, insieme all’Architetto Anna Quaglino ed a diversi amici, ogni anno si impegna in questo importante progetto. “Quest’anno abbiamo voluto fare un esperimento, coinvolgendo alcuni bambini e chiedendo loro cosa immaginassero e come vorrebbero vederla trasformata!”

Il risultato è un “ASTROSPAZIO” Abbiamo quindi assecondato il desiderio e realizzato un progetto “visto con gli occhi di un bambino”.

Progetto per gli ospedali & l'infanzia re-immagina la sala Rm dell'Istituto Gaslini, grazie alla fantasia della Disney e al sostegno della DiaSorin.

Ri-immaginare gli ambienti diagnostici e di cura grazie ai personaggi DisneylPixar più amati dai piccoli pazienti: è l’idea alla base del progetto di restyling che ha trasformato la sala Risonanza Magnetica dell’Istituto Giannina Gaslini in un ambiente a misura di bambino.

L’iniziativa, promossa da Progetto per gli Ospedali & l’Infanzia”, anche noto come “Progetto Pinocchio”, ha visto scendere in campo a fianco del Gaslini, The Walt Disney Company Italia che ha accettato con entusiasmo di mettere i propri creativi DisneylPixar a disposizione per studiare appositamente un ambiente positivo e accattivante per la sala RM 1.5, dove vengono eseguiti gli esami di Risonanza Magnetica dell’Ospedale pediatrico genovese.

«Pinocchio col tablet dai bimbi in ospedale»

Tablet e tecnologia per aiutare i bambini piemontesi a studiare durante un lungo ricovero in ospedale. É questo il cuore del progetto, sostenuto anche da DiaSorin, multinazionale italiana della diagnostica in vitro. Un’iniziativa che porta il nome del personaggio partorito dalla fantasia dello scrittore Carlo Collodi: Pinocchio. «La distanza dalla famiglia e dagli amici, la difficoltà della terapia in un nuovo ambiente, fanno sentire spesso i giovani pazienti soli e confusi — spiegano dall’azienda — Queste sensazioni diventano un grande ostacolo al proseguimento degli studi e di una vita normale ». Proprio come Pinocchio, il bambino in ospedale si trova immerso in una nuova esperienza e in un mondo poco conosciuto. Così rischia di perdere motivazione e voglia di studiare. Adesso, attraverso i tablet, gli studenti ricoverati avranno la possibilità di restare più in contatto con la vita di sempre.

«Ospedale Regina Margherita, la sala tac diventa un bosco»

Predisposto un ambiente rassicurante per attenuare l’apprensione dei bambini ricoverati che vengono sottoposti all’esame diagnostico“
Una pellicola adesiva alle pareti circostanti ricrea il bosco e un grande fungo colorato al centro della sala, il protagonista principale insieme al piccolo paziente, sarà il macchinario tac. L’ambiente ospedaliero all’interno del Regina Margherita sta diventando sempre più a misura di bambino..

E proprio la sala del Regina Margherita che ospita il macchinario ha subito la trasformazione per dare la sensazione ai bambini sottoposti all’esame di essere in un vero e proprio bosco con la sua atmosfera rassicurante. Un bosco simile a quello della fiaba di Biancaneve per smorzare il carico di ansie, timori e paure che chiunque di noi avrebbe durante un esame diagnostico di questo tipo. Il fungo-tac sarà pronto in settimana.

« Al Regina Margherita una mongolfiera per superare la paura degli esami! »

Una mongolfiera per volare almeno con la mente lontano dall’ospedale e farsi passare la paura. Accade nella nuova Sala radiodiagnostica dell’ospedale infantile Regina Margherita, completamente ridecorata dal Rotaract Cub Torino e dal Progetto Pinocchio guidato da Andrea Jacopo Fava, che già si era dedicato al restauro del laboratorio tac. Grazie all’applicazione di pellicole speciali sulle pareti e sull’apparecchio diagnostico stesso studiate dall’architetto Anna Lumello Quaglino, la Sala azzurra è stata trasformata in un ambiente accogliente: una mongolfiera da cui poter osservare il cielo circostante.

« Al Cto nasce la nuova palestra di riabilitazione »

Al Cto di Torino nasce la nuova palestra di riabilitazione e fisioterapia di Chirurgia Oncologica Ortopedica: un intervento che può portare un significativo progresso nella umanizzazione delle cure e un miglioramento della qualità della vita dei pazienti più fragili, al tempo stesso un modello riabilitativo e una buona pratica per il futuro della Sanità piemontese.

Sono i due obiettivi sui quali si basa il progetto della nuova palestra di riabilitazione e fisioterapia realizzata e da poco in funzione all’interno di un reparto ad alta intensità chirurgica dell’ospedale Cto della Città della Salute di Torino.

« Nasce “Nuvoletta”, la nuova sala d’aspetto dell’Ospedale Regina Margherita »

L’obiettivo del restyling della sala d’attesa è rendere meno traumatico l’approccio e il trattamento dei piccoli pazienti dell’ospedale Infantile di Torino.
Il miglioramento della Sanità, in questo caso quella torinese, passa anche attraverso piccoli interventi: piccoli ma concreti, in grado di rendere più confortevoli i luoghi di cura. A maggior ragione, se si tratta di quelli deputati alla saluta dei più piccoli. In quest’ottica acquista un particolare significato la nascita di “Nuvoletta”, la nuova Sala di aspetto del servizio otorinolaringoiatria dell’ospedale Infantile Regina Margherita della Città della Salute di Torino.

DiaSorin si prende cura delle persone anche fuori dai suoi laboratori.
Coltivare la passione per la scienza significa coltivare la passione per la vita. Tale vocazione, che da sempre guida lo sviluppo del Gruppo, porta DiaSorin ad investire sempre di più nella formazione dei propri dipendenti, nel rafforzamento delle collaborazioni scientifiche e nella valorizzazione delle conoscenze, elementi fondamentali per potare innovazione nel business.

Il lavoro quotidiano di DiaSorin é una sfida costante, tesa al miglioramento del benessere della persona, in ogni suo aspetto e sfaccettatura. La vocazione per la scienza, l’attenzione rivolta alla formazione e alla crescita dei suoi talenti e l’impatto positivo sull’ambiente sono capisaldi attorno ai quali DiaSorin getta le basi per un business sostenibile e duraturo.

PROGETTO PER GLI OSPEDALI E L'INFANZIA

TV
null

Dott. Gianpaolo Dirosa

RADIOLOGIA OIRM – SSD
null

Dott. Andrea Rossi

PRIMARIO RADIOLOGIA
ISTITUTO GIANNINA GASLINI
null

Marco Gioannini

PRESIDENTE FONDAZIONE
TUMORI MUSCOLOSCHELETRICI
null

Dott. Raimondo Piana

CHIRURGIA ONCOLOGICA
ORTOPEDICA – SSD
null

Dott. Pietro Poniglione

PRESIDENTE ISTITUTO
GIANNINA GASLINI – GENOVA

Vuoi sostenerci?

[]
1 Step 1
keyboard_arrow_leftPrevious
Nextkeyboard_arrow_right
FormCraft - WordPress form builder

Contatti

Progetto per gli Ospedali e l’Infanzia
Progetto  Pinocchio
Corso Re Umberto, 1
10128 – Torino
info@progettoinfanziaospedali.it
Cell. +39 338 1421 790

Cartella Stampa

Per richiedere la cartella stampa
scrivere al seguente indirizzo

stampa@progettoinfanziaospedali.it

Dove siamo

Chi sosteniamo:

Con il patrocinio di:

null
null
null
null
null
null
null
null
null